sabato, 16 Ottobre 2021

Tango e sentimento

- Pubblicità -

Iniziare col dire che il Tango è il ballo di coppia per eccellenza è tanto scontato quanto veritiero.

Si sa, il fascino del Tango Argentino non ha eguali per l’alchimia che si crea tra i partner;

è traducibile come un’energia che avvolge i ballerini per tutta la durata del brano senza mai interrompersi per riuscire a comunicare con l’altro.

Certo è che condividere questi momenti con una persona verso cui proviamo attrazione o con cui condividiamo oltre la sala da ballo anche la vita ha più sapore rispetto ad abbracciare qualsiasi altro/a ballerino/a anche se più bravo/a tecnicamente,

ma la caratteristica più bella del Tango è proprio quella di essere un mezzo per riuscire a comunicare con chiunque conosca questo linguaggio: muto, ma viscerale.

Grazie al Tango si riescono ad esprimere sensazioni che a parole sarebbe mille volte più complicato trasmettere, ecco il motivo per il quale si consiglia sempre di provare a praticarlo, prima di trarre le proprie conclusioni a riguardo. 

Non si tratta semplicemente di innumerevoli passi e figure da eseguire ma di interpretare un brano a piena connessione con il partner, anche solo con una camminata.

Le ovvietà su questo tema sono innumerevoli, meno sono le volte in cui si mettono in pratica: così facendo si rischia di tralasciare in secondo piano la vera essenza di ciò che rappresenta la cultura Tanguera;

ricca di sentimenti contrastanti che caratterizzavano la vita degli immigrati dell’epoca, alla continua ricerca di consolazione dalle proprie disperazioni e di speranza per un futuro migliore.

Dal 2000 il Tango in Italia sta diventando sempre più popolare, viene rappresentato in diversi contesti oltre alle milonghe (luogo in cui si svolgono serate danzanti di Tango Argentino).

Compito dei divulgatori di questa cultura, è proprio quello di cercare di preservarne l’integrità ed i suoi reali caratteri: è un ballo misterioso, intimista e basato sull’improvvisazione.

È sensuale, passionale ma anche nostalgico, malinconico, struggente.

È un ballo di tutti e per tutti, di dominazione e seduzione senza accostarsi mai all’essere maschilista;

l’uomo nel Tango balla per esaltare le qualità della donna proponendo e non imponendo la marca dei movimenti da eseguire ma dandole tutte le possibilità per essere il più affascinante e stimolante possibile.

Il Tango non bisogna imporlo né imporcelo perché nel caso ci fosse, si trova già dentro di noi: diamogli una possibilità per farlo venir fuori e per lasciarci affascinare dalla sua vera essenza!

- Pubblicità -
Articolo precedenteParada
Articolo successivoMordida
- Pubblicità -

Supportaci con una donazione

Più Popolari

Giusy Citro e Simone Ferrara special guest presso la sala”Truffaut” di Giffoni Vallepiana (SA)

Baldosa

Giusy Citro e Simone Ferrara special guest presso la sala”Truffaut” di Giffoni Vallepiana (SA)

Camminata

Seguici su:

1,584FansMi piace
236SeguaciSegui
6SeguaciSegui
41IscrittiIscriviti
- Pubblicità -